Il mio stipendio

Personalmente – come mi ero impegnato a fare in campagna elettorale – ho deciso di mantenere lo stesso stile di vita che avevo prima di candidarmi.
Per ora, come tutti i parlamentari del partito democratico contribuisco alle spese del partito, sia a livello nazionale che regionale. Per il resto, quanto eccede rispetto ai miei guadagni prima di diventare senatore, lo destinerò a opere di beneficienza. Ma senza portare assegni in piazza…

In generale, non saprei dire se siamo pagati tanto o poco. Rispetto alle responsabilità che abbiamo, se lavoriamo con scienza e coscienza, non mi sembra siamo pagati tanto, specialmente se il confronto viene fatto con i dirigenti delle aziende private. Rispetto alle persone comuni, invece, prendiamo un sacco di soldi. Alcuni privilegi ingiustificati sono stati tolti (come il ristorante quasi gratuito, l’ingresso gratuito a tutte le manifestazioni sportive, il vitalizio…) altri permangono (come i viaggi gratuiti in treno e in aereo in tutto il territorio nazionale, senza distinguere fra le tratte). Va trovato un giusto mezzo, rifuggendo ai facili populismi.

6 risposte a “Il mio stipendio

  1. Fate presto a sistemare le cose con i fuoriusciti perché qui a Treviso abbiamo voglia di lavorare ma in Partito ancora non si sente e non si vede.
    Cordiali saluti

  2. Concordo, caro Senatore, ma per far capire ai Cittadini italiani che un Parlamentare va considerato per quello che è e per quello che fa bisognerebbe prima avere il coraggio di istituire l’esame di Educazione Civica all’esame di Maturità. Questo perché i giovani (e anche, spesso, i meno giovani) arrivati alla maggiore età, con pieno diritto al voto, non sanno chi votare oppure votano senza alcuna cognizione delle idee del partito al quale destinano la loro fiducia né, tanto meno, conoscono quelle del parlamentare del collegio al quale destinare il voto. Facendo così buon gioco ai partiti o ai movimenti che sanno ben “parlare alla pancia” dell’elettorato….

  3. emanuele borgato

    Buonasera. Leggo oggi che ha deciso di uscire da Scelta Civica per entrare a fare parte del Partito Democratico. Una domanda, che non vuole essere polemica o mal interpretata: ora, i soldi che prende e che destina alle spese sostenute da Scelta Civica, continuano in quella direzione oppure vanno destinati ai progetti del PD ?

  4. Franca Lovsion

    buongiorno sen. Dalla Zuanna,
    Invece di tutte queste parole per evitare di dire come stanno le cose, non era meglio essere trasparenti e dire qual è il suo stipendio? In una sezione intitolata “il mio stipendio” la mancanza di questo dato suona come irridente verso il cittadino…
    Franca Lovison

  5. Franca Lovison

    Complimenti per avere cancellato il commento critico
    scritto qualche tempo fa.
    Alla faccia della trasparenza e del liberalismo!
    Franca

  6. gianpierodllzuanna

    …Per il resto, quanto eccede rispetto ai miei guadagni prima di
    diventare senatore, lo destinerò a opere di beneficienza. Ma “senza portare
    assegni in piazza”…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...