No alla ghettizzazione

img_9228Sono contrario a concentrare i richiedenti asilo in grandi strutture: a Giarre di Abano, a Bagnoli, a Cona, a Foggia… ovunque. La vera soluzione rispettosa dei richiedenti asilo e delle popolazioni locali è l’accoglienza diffusa, che favorisce l’incontro fra le persone, la rapida integrazione dei richiedenti asilo, e combatte il razzismo.

Per onestà, si deve dire anche che la prefettura di Padova si è trovata costretta a fare alcune scelte di alta concentrazione a causa della ostilità sorda o manifesta di moltissimi sindaci e cittadini ad accogliere piccoli gruppi di richiedenti asilo nel loro territorio.

Abano, nell’amministrazione precedente, aveva in tutti i modi cercato di evitare di accogliere anche piccoli gruppi, al contrario di altri comuni della cintura padovana (come Rubano, Noventa, Cadoneghe, Torreglia) dove finora non è sorto alcun problema.

I richiedenti asilo ci accompagneranno anche nei prossimi anni, almeno fino a quando la situazione in Libia non si stabilizzerà. Non è quindi né coerente né razionale urlare contro le grandi concentrazioni ed essere contrari all’accoglienza diffusa.

Lascia un commento

Archiviato in post

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...