“Pillola” sul welfare europeo

img_0234

Le tasse in Europa sono alte, non ci sono dubbi. E vanno abbassate, specialmente in Italia. Ma il tema va visto in modo più globale. L’Europa ha il 7% della popolazione mondiale, il 27% del PIL mondiale, ma il 50% della spesa mondiale di welfare (dati tratti dal bel libro di Cavalli e Martinelli: La società europea, il Mulino). Quest’ultimo dato, se vuole essere mantenuto tale, non è compatibile con la bassa tassazione degli USA, dove poi i cittadini spendono vagonate di soldi in assicurazioni sanitarie private (la % spesa sanitaria globale sul PIL è doppia in USA che nella UE, 17% vs. 8.5%). Questo dato spiega anche, almeno in parte, come mai siamo così attrattivi per gli immigrati (oggi in UE 47 milioni di immigrati, contro i 43 milioni degli USA), e la difficoltà a gestire la questione dei rifugiati, perché non possiamo garantire a loro diritti di welfare più bassi rispetto a quelli garantiti ai cittadini: da noi due milioni di profughi accatastati in campi, cme in Turchia, sono semplicemente improponibili.

Lascia un commento

Archiviato in post

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...