La trasformazione in SPA della Banca Popolare di Vicenza

img_0248La trasformazione in SPA della Banca Popolare di Vicenza è un buona notizia. Quanto successo negli ultimi mesi mostra come l’idea che le banche di paese, diventate miliardarie, potessero funzionare meglio delle SPA, mantenendo istituti “medievali” come il voto capitario, fosse una pessima idea. Questa gestione opaca ha favorito i soliti noti e ha penalizzato i cittadini comuni, come si è ben visto nell’assemblea di domenica 6 marzo.

Non che le banche SPA abbiano evitato perdite: personalmente sono stato scottato, perché le mie (poche per fortuna) azioni Unicredit sono passate da 43 euro del 2007 a 4 euro del 2012… Ma il valore delle azioni ha continuato a rispecchiare il valore della banca, che poi si è risollevata.

Chi è stato imbrogliato va risarcito, chi ha imbrogliato deve pagare. Ma proseguiamo sulla strada della modernizzazione del sistema del credito. Il Veneto e l’Italia ne hanno bisogno.

Lascia un commento

Archiviato in post

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...