I tranelli dietro alle preferenze #italicum

IMG_6433.JPG

Sono molto d’accordo con quanto dice Benedetto Della Vedova. Sì a piccoli
collegi uninominali con quota proporzionale per assicurare premio di
maggioranza e diritto di tribuna (il “Mattarellum”), no alle preferenze,
perché rischiano di alzare di molto il costo delle campagne elettorali,
penalizzando i candidati meno ricchi ed esponendoli poi alle pressioni dei
finanziatori (nessuno dà niente per niente…).

L.ELETTORALE: DELLA VEDOVA”MEGLIO MATTARELLUM,SE ITALICUM NO PREFERENZE”

“La strada maestra secondo me dovrebbe essere quella di tornare
saggiamente al Mattarellum e ai collegi uninominali, usando la quota
proporzionale per assicurare premio di maggioranza e diritto di tribuna.
Se pero’ si sceglie l’impianto dell’Italicum, credo che si farebbe un
errore grave reintroducendo le preferenze, che sembrano molto popolari:
sembrano, perche’ come dimostrano le elezioni europee i cittadini,
soprattutto al nord, non le usano, ma che ci farebbero tornare a un
passato poco esaltante. Le preferenze nella storia italiana hanno
significato tre cose: piu’ costi della politica, piu’ corruzione, piu’
spesa pubblica. Il combinato disposto dell’abolizione del finanziamento
pubblico dei partiti e del ritorno alle preferenze e’ molto rischioso per
l’Italia”. Lo ha detto il sottosegretario agli Esteri, Benedetto Della
Vedova, questa mattina ai microfoni di Radio Citta’ Futura. “E’ positivo –
ha aggiunto Della Vedova – che si stia perseguendo l’obiettivo di
bilanciare il principio di rappresentanza e il principio di
governabilita’. Se si fa una legge elettorale che blinda il principio di
governabilita’, assicurando una maggioranza certa alla lista che vince al
primo turno o al ballottaggio, poi diventa difficile sostenere, anche dal
punto di vista costituzionale, una penalizzazione del principio di
rappresentanza. Il Governo e’ impegnato su riforme economiche,
costituzionali e nuova legge elettorale ed e’ bene che si acceleri su
tutti i fronti, proprio – ha concluso Della Vedova – per dare contenuti
riformatori alla legislatura”.

Lascia un commento

Archiviato in post

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...