La riforma della scuola

IMG_6035.JPG

Il governo propone un piano molto ambizioso per cambiare la scuola
italiana. Il piano non riguarda tanto i contenuti degli insegnamenti,
quanto l’organizzazione degli insegnanti.

http://media2.corriere.it/corriere/pdf/2014/LA-BUONA-SCUOLA_Rapporto_3-settembre-2014.pdf

Il testo del governo è aperto alle proposte del mondo della scuola e dei
cittadini, per due mesi di consultazioni.

Ho guardato il punto 2.3 (pp. 48-57), “La nuova carriera dei docenti”.

La proposta è decisamente innovativa. Oggi lo stipendio dei docenti si
modifica solo per effetto dell’anzianità, oltre che per somme spesso
risibili legate a incarichi aggiuntivi.

La proposta è di togliere gli incrementi automatici, concentrando gli
scatti triennali su 2/3 dei docenti, ossia quelli che, meglio dei loro
colleghi: (1) riescono a far progredire di più i loro allievi, (2)
frequentano corsi di formazione; (3) hanno nella scuole incarichi
aggiuntivi rispetto al normale insegnamento.

Mentre è abbastanza semplice misurare i punti (2) e (3), la vera sfida è
il punto (1). Però è un punto cruciale, che il MIUR, il governo e il
parlamento debbono affrontare con coraggio, realismo e competenza. Credo
che gran parte della portata innovativa della proposta sia contenuta in
questa sfida.

Lascia un commento

Archiviato in post

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...