Perché abbiamo scelto di appoggiare Ivo

20140603-192207-69727595.jpg

Cari tutti

Come avrete letto sui giornali, le liste che hanno appoggiato la candidatura a sindaco di Padova di Andrea Colasio sostengono la candidatura di Ivo Rossi al ballottaggio dell’8 giugno, contro quella di Massimo Bitonci. Questa scelta ha tre motivazioni.

1. La coalizione che sostiene Rossi è la più adatta per sostenere il nostro programma. La nuova giunta Rossi – grazie anche alla presenza di Colasio e degli esponenti di Padova 2020 – volterà pagina rispetto a quella di oggi: sarà più rispettosa dell’opinione dei cittadini, e ridiscuterà alcune opzioni fondamentali: il nuovo ospedale, la rigenerazione urbanistica, i trasporti pubblici e privati, le politiche culturali e turistiche, le politiche per attrarre nuove attività economiche. La presenza di Andrea Colasio in questa giunta sarà fondamentale: per le sue doti di equilibrio e di intelligenza politica e per la sua esperienza e fantasia nel promuovere le politiche culturali. L’esperienza di Ivo Rossi potrà amalgamare questa nuova coalizione, mettendo Padova alla testa della rinascita politica, economica e culturale dell’Italia. Ossia mettendo Padova nel posto che si merita.

2. La nostra idea di Padova come centro di cultura europea è opposta a quella di Bitonci, uno dei capi della Lega Nord, un partito politico che ha fatto dell’opposizione all’Europa il suo cavallo di battaglia. Massimo Bitonci sta facendo una campagna elettorale astuta, presentandosi ai padovani come un bravo amministratore e un uomo d’ordine, cercando di far dimenticare le forze che lo appoggiano. In realtà, Bitonci è il capogruppo in Senato della Lega Nord, ossia di un partito che vuole l’Italia fuori dall’Euro (un’autentica bestialità economica), e che – sulla sicurezza – ha proposto e praticato per anni politiche del tutto fallimentari. Ad esempio, grazie alla legge Bossi-Fini, in Italia sono praticamente impossibili sia le immigrazioni regolari sia le espulsioni, e centinaia di migliaia di immigrati irregolari popolano le nostre strade e le nostre piazze. Per aumentare la sicurezza, un sindaco non deve mostrare i muscoli, né fare iniziative che lasciano il tempo che trovano (come chiudere i kebab, vietare le moschee o prendersela con i mendicanti …). È invece necessario popolare le strade e le piazze di persone, favorire l’apertura dei negozi, contrastando ogni giorno, con pazienza, il degrado. È difficile, ma persone come Rossi e Colasio sono in grado di farlo: perché conoscono bene Padova e i padovani, sanno cosa vuol dire fare vere politiche culturali, e sanno come utilizzare al meglio la macchina comunale per raggiungere questi obiettivi.

3. Bitonci viene appoggiato dalla stessa maggioranza che – da vent’anni – comanda in Regione, senza aver fatto praticamente nulla per risolvere i nodi fondamentali del Veneto (la disoccupazione, la morte di attività economiche, l’inquinamento delle città …), ma occupando con grande abilità tutti i centri di potere (le autostrade, agli ospedali, tutte le aziende pubbliche e semi-pubbliche …). Chi vota per Bitonci, in realtà vota per Zaia e per Galan, ossia per quanti da vent’anni fanno il bello e il cattivo tempo, riducendo il Veneto da regione ammirata da tutta l’Europa a piccola periferia marginale.

Io non voglio che anche Padova faccia questa fine, ed è per questo che, l’8 giugno, voterò per Ivo Rossi sindaco.

Senatore Gianpiero Dalla Zuanna

Lascia un commento

Archiviato in post

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...