Spending review

20140521-193604-70564172.jpg

SPENDING REVIEW: SC, RIDURRE SPRECHI RAZIONALIZZANDO PUBBLICA SICUREZZA =
MOZIONE AL GOVERNO, FORZE POLIZIA CONDIVIDANO RISORSE E STRUTTURE
”Occorre una razionalizzazione dei servizi e
delle strutture degli organi di Pubblica Sicurezza, al fine di evitare un
enorme spreco di risorse organizzative, economiche e umane. Il proliferare
di Forze di polizia con competenze quasi identiche fra loro, infatti, ha
portato a una realta’ di servizi troppo frammentata e a una sovrapposizione
di funzioni, che hanno prodotto un enorme spreco di risorse. Per questo si
rende necessario aggiornare la legge 121/81″. Lo chiedono i deputati di
Scelta Civica, Stefano Dambruoso, Andrea Romano e Mariano Rabino, nella
mozione presentata oggi che impegna il governo a stabilire una serie di
criteri per avviare una razionalizzazione della Pubblica sicurezza.
”Dall’entrata in vigore della legge 121 nel 1981 si e’ avviato un processo
di riforma rimasto pero’ incompiuto – spiegano i deputati – soprattutto per
quel che concerne il coordinamento tra le Forze di polizia, l’allestimento
di centrali operative comuni e la rivisitazione dei percorsi formativi del
personale. Per rendere dunque piu’ efficiente ed efficace l’attivita’ degli
organi di Polizia, evitando sprechi, occorre adottare delle misure che
favoriscano la condivisione delle risorse e delle strutture fra le forze
dell’ordine, come creare un modello unico di Scuola di Perfezionamento che
dovra’ essere esteso a tutte le scuole di formazione esistenti sul
territorio; creare un numero unico per le emergenze, cosa gia’ nota in
tutta Europa; creare centrali operative interforze”. “Queste misure di
riorganizzazione e ottimizzazione delle risorse porteranno a un naturale
ridispiegamento delle Forze dell’ordine sul territorio, a presidio e a
garanzia della sicurezza del cittadino e della collettivita’, nonche’ un
imponente risparmio di risorse economiche”. Le risorse finanziarie
recuperate -concludono i deputati di Sc- potranno essere destinate allo
sviluppo di progetti di edilizia abitativa per la realizzazione di alloggi
per le famiglie del personale; all’apertura di asili nido all’interno o nei
pressi degli alloggi di servizio del personale; al la creazione di centri
medici specialistici per il personale e i rispettivi familiari”.

Lascia un commento

Archiviato in post

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...